Allergia al cibo

I genitori dicono che gli MD spesso non forniscono sufficiente guida all'epinefrina: studio

Pin
Send
Share
Send

Solo il 40% dei genitori afferma che i pediatri hanno fornito loro una guida sufficiente per le emergenze allergiche, secondo un nuovo studio. Foto: Thinkstock

Una significativa percentuale di genitori che hanno bambini con allergie alimentari dice che non ricevono la guida e la formazione di cui hanno bisogno su come e quando usare un autoiniettore di epinefrina, suggerisce un nuovo studio.

Lo studio ha coinvolto 859 genitori nella metropoli di Chicago. Per coloro che visitavano i pediatri, meno del 40% dei genitori ha ricordato al pediatra del loro bambino che spiegava quando usare l'adrenalina. Con le visite allergiche, meno del 70% ha riportato l'allergologo che spiega quando somministrare l'adrenalina. Ancora meno genitori hanno affermato di aver mostrato come utilizzare il dispositivo.

Lo studio ha anche rilevato che molti genitori hanno detto che i medici dei loro figli non stanno fornendo loro piani d'azione contro l'allergia alimentare di emergenza per la casa e la scuola.

"C'è una lacuna nella comunicazione tra medici e genitori nella gestione delle allergie alimentari dei loro figli che dobbiamo risolvere", ha detto il dott. Ruchi Gupta, professore associato in pediatria alla Scuola di Medicina Feinberg della Northwestern University e pediatra presso Lurie Children's Ospedale. Entrambe le istituzioni sono state coinvolte nello studio, con i risultati basati su questionari compilati dai genitori.

Gupta ha detto che le linee guida che esistono per il trattamento fornite dall'Istituto Nazionale di allergie e malattie infettive non vengono seguite. Ha notato che anche se i risultati dello studio hanno dimostrato che il livello di assistenza è stato considerato elevato sia da pediatri che da allergologi, la preparazione per le emergenze al di fuori dell'ufficio del medico era inadeguata.

Gli autori dello studio hanno detto che i primi passi da compiere devono essere quelli di garantire che tutti i medici siano formati nelle linee guida sulle migliori pratiche per le emergenze di anafilassi e come comunicare queste linee guida ai pazienti, hanno detto gli autori. Oltre a ciò, Gupta ha notato che una piccola ripetizione può fare molto.

"I medici devono assicurarsi che i genitori possano ripetere le istruzioni", ha detto. "I genitori non possono digerire tutte le informazioni fornite loro in un breve periodo di tempo."

Lo studio è stato finanziato in parte dalla ricerca e dall'istruzione sulle allergie alimentari (FARE) ed è stato pubblicato il 12 gennaio nel Journal of Allergy and Clinical Immunology: In pratica.

Pin
Send
Share
Send